Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

venerdì 27 gennaio 2012

Silenzio...

Oggi è la Giornata della Memoria.

C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica
Schulze Monaco
c’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buchenwald
più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
di ciocche nere e castane
a Buchenwald
servivano a far coperte per i soldati
non si sprecava nulla
e i bimbi li spogliavano e li radevano
prima di spingerli nelle camere a gas
c’è un paio di scarpette rosse
di scarpette rosse per la domenica
a Buchenwald
erano di un bimbo di tre anni
forse di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini
li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono
c’è un paio di scarpette rosse
a Buchenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole…
- Joyce Lussu -
 _________________________________________________

Sono circa 100.000 gli omosessuali vittime del regime hitleriano; numericamente, dopo ebrei e zingari, il terzo gruppo più numeroso ad essere sterminato nei campi. Il loro segno distintivo era un triangolo rosa. Eppure si tratta di una storia poco ricordata in occasione della Giornata della Memoria.
Dal 1934, anno in cui venne creata una apposita sezione della Gestapo con l’obiettivo di creare delle liste di nomi di tutti i potenziali omosessuali del Reich, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, si calcola che furono quasi un milione gli omosessuali perseguitati dal regime: molti vennero sottoposti a castrazione forzata per decisione dei tribunali nazisti, altri deportati o incarcerati, per altri (quelli appartenenti alla “razza ariana”) vi era la costrizione “ad una corretta sessualità finalizzata alla procreazione”. Tali regole erano in vigore esclusivamente per l’omosessualità maschile; le lesbiche erano punite "solo" dalle leggi austriache (rimaste in vigore anche dopo l’annessione con la Germania) che perseguivano indistintamente qualsiasi tipo di «fornicazione innaturale». Per questo motivo vennero spesso perseguitate come “anti-sociali”, contrassegnandole con un triangolo nero. Il Paragrafo 175 del codice penale tedesco, che permise ai nazisti queste persecuzioni, fu abrogato solo nel 1994.

domenica 22 gennaio 2012

Pagelle musicali: 2011 - seconda parte

Scusate il ritardo. Questo articolo lo avrei dovuto pubblicare a dicembre, ma non ho avuto tempo. Amen.
Vi ricordo che la prima parte delle pagelle musicali 2011 si trova qui.
Al solito, prima metto gli album di cui posso stilare con sicurezza le classifiche delle tracce, poi gli altri indicando solo genere e voto.


Melanie C - The Sea
Voto: 90/100
Genere: Pop, Baroque pop, Dance pop, Pop rock, Pop acustico
Influenze: Ambient, Smooth Jazz, Electropop
Note: Le ultime due canzoni della classifica tracce sono le uniche che non mi hanno colpito, tutte le altre sono di altissimo livello.
Classifica tracce:
  1. Enemy
  2. The Sea
  3. Drown 
  4. Weak
  5. Stupid Game
  6. All About You
  7. Burn
  8. Rock Me
  9. Get Out Of Here
  10. Think About It
  11. One By One
  12. Beautiful Mind
  13. Let There Be Love

Nemesea - The Quiet Resistance
Voto: 87/100
Genere: Electronic rock, Alternative rock, Synth rock, Pop rock
Influenze: Industrial metal, Musica elettronica, Pop
Classifica tracce:
  1. Caught In The Middle
  2. If You Could
  3. 2012
  4. Afterlife
  5. Rush
  6. Whenever
  7. Stay With Me
  8. Say
  9. Allein (feat. Heli Reißenweber)
  10. It's Over (feat. Matt Litwin & Marcus Klavan)
  11. High Enough (feat. Charlotte Wessels)
  12. The Quiet Resistance
  13. Release Me
  14. I Live

Trillium - Alloy
Voto: 85/100
Genere: Symphonic rock, Hard rock, Alternative rock
Influenze: Gothic rock, Heavy metal, AOR
Note: Si tratta del nuovo progetto di Amanda Somerville. 
Classifica tracce:
  1. Coward
  2. Slow It Down
  3. Machine Gun
  4. Scream It (feat. Jorn Lande)
  5. Bow To The Ego
  6. Purge
  7. Utter Descension
  8. Into The Dissonance (Lunatica cover)
  9. Path Of Least Resistance
  10. Justifiable Casualty
  11. Mistaken
  12. Love is an Illusion

Nightwish - Imaginaerum
Voto: 73/100
Genere: Symphonic metal
Influenze: Folk metal, Jazz fusion
Note: La solita minestrina riscaldata. Quasi tutte le canzoni sembrano uscite da Dark Passion Play e Once, altre fanno tanto Leaves' Eyes. Nonostante ciò, l'album è comunque buono e la voce di Anette non solo è migliorata molto, ma è stata anche valorizzata nella sua espressività e versatilità. 
Classifica tracce:
  1. Scaretale
  2. Slow, Love, Slow
  3. Turn Loose The Mermaids
  4. Storytime
  5. I Want My Tears Back
  6. Last Ride Of The Day
  7. The Crow, The Owl and The Dove
  8. Song Of Myself
  9. Ghost River
  10. Imaginaerum
  11. Rest Calm
  12. Taikatalvi
  13. Arabesque

the GazettE - Toxic
Voto: 84/100
Genere: J-metal, Metalcore, Alternative metal   
Influenze: Industrial metal, Pop punk, Nu metal, Electronic rock
Classifica tracce:
  1. Psychopath
  2. Vortex
  3. Pledge
  4. Shiver
  5. The Suicide Circus
  6. Infuse Into
  7. Venomous Spider's Web
  8. Untitled
  9. Pledge
  10. Red
  11. Sludgy Cult
  12. My Devil On The Bed
  13. Tomorrow Never Dies
  14. Omega

Myrath - Tales Of The Sands
Voto: 82/100
Genere: Power metal, Progressive, Oriental metal
Influenze: Folk metal, Musica tradizionale araba, Thrash metal
Classifica tracce:
  1. Tales of the Sands
  2. Merciless Times
  3. Under Siege (feat. Clémentine Delauney)
  4. Braving The Seas
  5. Sour Sigh
  6. Requiem for a Goodbye
  7. Wide Shut
  8. Beyond the Stars
  9. Time to Grow
  10. Dawn Within

Altri...

giovedì 19 gennaio 2012

Rivista Letteraria "Fralerighe"

Nasce oggi la Rivista Letteraria "Fralerighe", leggibile online e scaricabile in pdf. Il tutto assolutamente gratis.
Il primo numero lo trovate qui.
La rivista è organizzata per sezioni, ognuna delle quali si occupa di un genere diverso. Sicuramente troverete degli articoli interessanti per i vostri gusti. Io, per questo numero, ne ho scritti due:
  • "Fantasy 2.0 - New Weird e Bizarro Fiction" (sezione fantasy)
  • "Assenzio a Vapore - Il fascino dello Steampunk" (sezione fantascienza)

Aniello Troiano, il direttore della rivista, mi ha assicurato che posso pubblicare i miei articoli anche qui sul mio blog, ma fra una settimana.

Intanto, ecco anche la pagina Facebook e il blog della rivista. 

P.S. nel mio articolo per la sez. fantasy c'è stato un errore di formattazione dovuto al passaggio da una versione demo a questa definitiva. Sono rimasti i trattini per andare a capo anche se non ce n'è più bisogno. Mi riferisco a dove si legge "possia-mo" e "mo-dificato". Non è colpa mia, non mi sono occupato io dell'impaginazione. Comunque, me ne scuso lo stesso a nome di tutto lo staff.