Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

sabato 14 luglio 2012

Pagelle musicali: 2012 - prima parte (album principali)

Epica - Requiem For The Indifferent
Voto: 88/100
Genere: Symphonic metal
Influenze: Progressive metal, Progressive death metal, Symphonic black metal, Technical thrash metal, Musica araba/orientale, Hard rock, Doom metal, Gothic metal, Musica elettronica
Note: Ho già recensito quest'album.  

Anneke Van Giersbergen - Everything Is Changing
Voto: 86/100
Genere: Pop rock, Synth rock, Synth pop, Alternative rock
Influenze: Pop, Musica elettronica, Gothic rock, Heavy metal, Electropop, Trip hop
Note: Terzo album solista per l'ex cantante dei The Gathering e primo senza il moniker "Agua de Annique". L'ugola d'oro olandese stavolta ci propone un album maturo e caratterizzato dalla mescolanza di pop, rock ed elettronica. Il primo singolo ("Feel Alive") propone un synth pop allegro e solare, mentre il secondo singolo ("Take Me Home") mischia il pop rock con l'elettronica e una ritmica quasi dance. "My Boy" è una perla synth rock, "I Wake Up" e "You Want To Be Free" sono ottime canzoni alternative rock. In "Slow Me Down" e, soprattutto, in "Too Late" troviamo delle influenze heavy metal. "Circles" è una dolcissima ed emozionante ballad al piano con contorno di archi, mentre "Everything Is Changing" rimanda alle ballad elettroniche dei The Gathering. "1000 Miles Away From You" racchiude in sé quasi tutti gli elementi dell'album ed emoziona colpendo l'ascoltatore sia al cuore che al cervello. Al contrario, "Stay" e "Hope, Pray, Dance, Play" non mi hanno colpito. 
Classifica tracce:
  1. Circles
  2. 1000 Miles Away From You
  3. My Boy
  4. Everything Is Changing
  5. I Wake Up
  6. Too Late
  7. Take Me Home
  8. Slow Me Down
  9. You Want To Be Free
  10. Feel Alive
  11. Stay
  12. Hope, Pray, Dance, Play

Diablo Swing Orchestra - Pandora's Piñata
Voto: 83/100
Genere: Avantgarde metal
Influenze: Swing, Jazz fusion, Symphonic metal/Musica classica, Progressive metal, Musica elettronica, Metal estremo (death/black), Funk, Musica latino-americana, Ska, Musica orientale/araba
Note: La prima metà dell'album comprende canzoni abbastanza "classiche" e nello stile dei D:S:O ("Guerilla Laments", "Kevlar Sweethearts", e il ballabile singolo "Voodoo Mon Amour").
A partire dall'interludio "How To Organize a Lynch Mob
" iniziano le nuove sperimentazioni. "Black Box Messiah" stupisce con i suoi folli coretti giapponesi, "Mass Rapture" cattura con le sue tentazioni orientaleggianti, "Honey Trap Aftermath" fonde elementi sinfonici e funk, "Of Kali Ma Calibre" mostra il lato più estremo e aggressivo dei D:S:O, "Aurora" sembra un'aria d'opera. "Justice For Saint Mary", invece, spicca grazie alla sua forza emozionale ed emozionante, che passa attraverso linee vocali ricche di pathos, parti sinfoniche azzeccatissime e un finale elettronico glitch; purtroppo questa canzone pecca di eccessiva ripetitività, cosa che la rende un capolavoro mancato. "Exit Strategy of a Wrecking Ball", infine, colpisce grazie alla sua capacità di sintetizzare buona parte degli elementi dell'album. 
In sintesi, l'effetto sorpresa per i D:S:O è sparito, ma in compenso siamo di fronte al loro album più maturo, in grado di stare in equilibrio tra sperimentazione ed ironia, tra tecnica ed emozione.

Classifica tracce:
  1. Black Box Messiah 
  2. Of Kali Ma Calibre  
  3. Exit Strategy of a Wrecking Ball  
  4. Aurora 
  5. Justice For Saint Mary 
  6. Voodoo Mon Amour  
  7. Honey Trap Aftermath 
  8. Mass Rapture
  9. Guerilla Laments
  10. Kevlar Sweethearts  
  11. How To Organize a Lynch Mob 

Delain - We Are The Others
Voto: 84/100
Genere: Pop metal, Synth rock
Influenze: Musica elettronica, Pop, Electronic rock, Heavy metal, Synth pop, Symphonic metal, Industrial metal
Note: Tempo fa si scatenò una polemica: la Warner non voleva pubblicare quest'album perché considerato "troppo metal". Ora posso dire che alla Warner hanno le orecchie foderate di amianto! Per carità, il metal c'è, ma a fronte di un aumento in qualità (riff più aggressivi e chitarre più in evidenza) c'è anche una drastica diminuzione in quantità. Inoltre, nelle parti metal c'è più heavy e industrial che symphonic. Quest'ultimo fa capolino solo in qualche occasione, ad esempio nel bellissimo finale di "Not Enough" e in "Babylon". In "Get The Devil Out Of Me" e, soprattutto, in "Mother Machine" troviamo influssi industrial e qualche riff heavy.
Il resto dell'album al massimo può essere definito synth rock, e in qualche caso neppure ("Are You Done With Me" è assolutamente e totalmente pop). "Milk And Honey" propone un'elettronica oscura insieme a linee vocali seducenti e ipnotiche e a qualche influsso rock, "I Want You" è una buona power ballad, "Electricity" e "Hit Me With You Best Shot" propongono un ottimo synth rock, 
"We Are The Others" è una traccia molto buona che però ricorda fin troppo la title-track del precedente album della band (April Rain). In "Where Is The Blood", invece, troviamo un duetto con il cantante dei Fear Factory che dà vita a un oscuro alternative metal. Infine, se "Not Enough" spicca solo ed esclusivamente per il finale epico e coinvolgente, "Generation Me" non spicca affatto e non aggiunge nulla di nuovo.
Insomma, quest'album va valutato non come un qualsiasi album metal, ma più come un album pop rock/synth rock, anche per via della grande attenzione alla melodia e ai ritornelli che farebbero invidia a molte star del pop.
P.S. nel trailer di We Are The Others c'era lo stupendo ritornello di "Babylon" fatto a cappella. Purtroppo, nell'album non ci sono parti simili. 

Classifica tracce:
  1. Are You Done With Me
  2. Milk and Honey 
  3. Babylon 
  4. Get The Devil Out Of Me 
  5. Electricity 
  6. Hit Me With Your Best Shot 
  7. I Want You 
  8. Mother Machine 
  9. Where Is The Blood (feat. Burton C. Bell)
  10. We Are The Others 
  11. Not Enough 
  12. Generation Me 

5 commenti:

Aislinn ha detto...

Sapevo che avrei trovato Anneke, qui ^___^

Michele A. F. Greco ha detto...

Va be', non si può non amare la cara Annarella da Giersbergo xD Con la sua voce potrebbe cantare di tutto, anche l'elenco del telefono, ma stavolta ha tirato fuori dal cilindro un Signor album.

Chaser Of Nightmares ha detto...

Son rimasto stupito della classifica di Anneke perché tra le ultime ci stanno le mie preferite XD Per tutto il resto concordo! Attendevo questo post da tempo :D

ATNO ha detto...

Ti devo ringraziare. Grazie a te, ho scoperto una canzone stupenda come Circles. Sicuramente ascolterò altro di Anneke.

Michele A. F. Greco ha detto...

Sì, è una canzone dolcissima :D
Gli altri due suoi da solista non sono nulla di che, a parte qualche sporadica perla ("Wonder", ad esempio). Te la consiglio con i The Gathering ;)

Posta un commento