Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

domenica 22 luglio 2012

Internal Warfare - Sugli attentati del 22 luglio 2011 in Norvegia

Esattamente un anno fa è avvenuto il più grave evento terroristico della storia della Norvegia.
Il primo attentato è stato realizzato con l'esplosione di un'autobomba alle 15:26 davanti all'ufficio del Primo Ministro Stoltenberg e ad altri edifici governativi. L'esplosione ha ucciso otto persone e ne ha ferite molte altre.
Il secondo attentato, il più grave, si è svolto circa due ore più tardi sull'isola di Utøya, a un campo dell'organizzazione giovanile del Partito Laburista Norvegese. Un uomo armato e vestito da poliziotto ha aperto il fuoco sui giovani, uccidendone 69. Lo stesso uomo vestito da poliziotto era stato precedentemente filmato dalle telecamere nella zona dove era esplosa l'autobomba.

Il trentaduenne cittadino norvegese Anders Behring Breivik ha confessato di essere il responsabile degli attentati che hanno causato la morte di 77 persone.
Dichiaratosi un anti-multiculturalista, anti-marxista e anti-islamista, Breivik è autore del memoriale "2083 – Una Dichiarazione Europea d'Indipendenza". In questo scritto si definisce "salvatore del Cristianesimo" e "più grande difensore della cultura conservatrice in Europa dal 1950".
Breivik, oltre che militante di estrema destra e fondamentalista cristiano, è stato anche un massone. Ha inoltre confessato alla polizia di aver progettato in passato anche l'uccisione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama. 
Inizialmente ritenuto affetto da schizofrenia paranoide, Breivik è stato dichiarato "sano di mente e quindi penalmente responsabile" da una controperizia, venendogli riconosciuto solo un elevato disturbo narcisistico della personalità.

Gli Epica, nel loro ultimo album ("Requiem for the Indifferent"), hanno dedicato una canzone alle vittime di Breivik: Internal Warfare


Se volete leggere il testo, continuate dopo il saltino!

Would anybody dare to know the answer?
Would anybody dare to face the truth?
We bide the time awaiting our answers
To our kind
We’re all in this apocalypse together
The horror we so feared can’t be undone
We all remove allegiance to disaster
Tragic crime
Life we used to know
Ends where silence comes to us forever
Night will soon bestow
Justice on a day that never ends
The piercing eyes of bullets’ shine run faster
Than peace and understanding can conceive
To use and to deceive to teach a lesson
Cross the line
Life we used to know
Ends where silence comes to us forever
Night will soon bestow
Justice on a day that never ends
I’m a true believer
A soldier with a gun
I shall swipe the earth clean
Won’t take long
Te deplangemus – haud resistentes – a te vexti – manebimus
I must trust my instinct
And act on his behalf
My ship is full with water
But won’t go down
Life we used to know
Ends where silence comes to us forever
Night will soon bestow
Justice on a day that never ends

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Amo questa canzone! Musicalmente è spettacolare e ha un freddo bellissimo. Ha un incedere rassegnato e freddo in cui però Simone riesce a esprimere la disperazione e la rabbia nel ritornello molto espressivo...

Posta un commento