Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

giovedì 17 maggio 2012

Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia 2012

Questo è un giorno importante: la Giornata Internazionale Contro l'Omofobia e la Transfobia.

La prima Giornata internazionale contro l'omofobia ha avuto luogo il 17 maggio 2005.
Nel 2007, in seguito ad alcune dichiarazioni di autorità polacche contro la comunità LGBT, l'Unione europea ha istituito ufficialmente la giornata contro l'omofobia sul suo territorio. Dal 2009, la campagna ha iniziato a occuparsi anche della transfobia.

In questo giorno la società è invitata a riflettere sul fatto che molti giovani e adolescenti si tolgono la vita perché amano. Sì, il problema è solo questo: si è discriminati perché si ama. Una persona dello stesso sesso, sì, ma non c'è nulla di male in questo.

In Iran, Arabia Saudita, Yemen, Mauritania, Sudan, Nigeria, Somalia i gay vengono condannati a morte; in altri settantotto Paesi l’omosessualità è illegale. In molte zone del mondo la situazione negli ultimi anni è senza dubbio migliorata. Ma molto c’è ancora da fare sia nei paesi più “avanzati” che hanno leggi che proteggono i diritti della persone lgbti sia, a maggior ragione, negli altri paesi che non hanno tali leggi. Nei primi perché una legge, per quanto sia importante, non cambia la mentalità delle persone ed episodi di aggressioni, bullismo e discriminazione sono ancora frequenti. Negli altri paesi perché i crimini che hanno come movente l’omofobia e la transfobia non vengono puniti e/o non hanno aggravanti, e le persone lgbt non possono contare sul diritto alla sicurezza. Tra questi paesi rientra, purtroppo, l'Italia, paese in cui non si riesce ad approvare neppure una banale legge contro l'omofobia. 

Io sono stato discriminato a scuola qualche volta, ma certe persone non meritano alcuna considerazione, per cui gli insulti mi sono scivolati addosso. Più complicata la situazione in famiglia, specie con mio padre. Quest'ultimo, oltre ad avermi cacciato di casa varie volte, mi ha pure augurato di morire di AIDS e mi ha aggredito fisicamente. Ma non voglio dilungarmi più di tanto: come ho detto, certe persone non meritano alcuna considerazione. Tanto, alla fine, sto bene: una padre come lui meglio perderlo che trovarlo...

Tornando all'Italia, c'è da dire che il nostro è un paese molto indietro. In questi ultimi giorni, poi, ci sono state delle dichiarazione alquanto demenziali sui matrimoni gay. Avrei voluto analizzare e criticare tali affermazioni in questo post, ma non ne ho avuto il tempo. Questo è un periodo davvero frenetico per me. Nei prossimi giorni, spero domani, scriverò un post sui matrimoni gay e su certe affermazioni vomitate da politici e giornalisti.

Vi lascio con un video in cui più di cinquanta eurodeputati e leader dell’Unione Europea hanno unito le loro forze per dire ai giovani lgbt che stanno lavorando per un futuro migliore (It Gets Better):

10 commenti:

Aislinn ha detto...

Quello che conta è proprio il fatto che tu stia bene ora. Le persone che meritano il tuo affetto non avranno mai nulla da ridire su ciò che sei.
Un abbraccio.

Ottimo il post e bello il video. Sperare di vedere da noi qualcosa del genere è utopico, naturalmente...

In bocca al lupo per il periodo frenetico! ^___^

Michele A. F. Greco ha detto...

Grazie, ricambio l'abbraccio!
E crepi il cacciatore ;)

Anonimo ha detto...

Infedeli! E' impensabile parlare di lotta contro l'omofobia e di pari opportunità oggi! La Chiesa si esprime molto chiaramente, e giustamente condanna ciò che va contro natura e che semina dissolutezza e disumanità. L'eterossesualità è la condizione per la superiorità dell'uomo, l'orgine stessa della tua libertà di espressione (per caso tuo padre è gay? NON ESISTONO PADRI GAY!). Cosa ancora più grave è biasimare le gerarchie ecclesiastiche che rappresentano la tradizione e la religiosità che oggi non può, non DEVE, mancare. Sono dell'idea che molte libertà, anche troppe (a 90 ad esempio), vi sono concesse. Avete soppiantato la razza superiore, quella che continua a perpetrare la specie umana. Celebrare l'omossessualità significa razzismo, esaltare cioè qualcosa che comporta la fine di un' altra specie, quella etero... e di conseguenza anche quella omo (NON ESISTONO PADRI GAY!). Quindi, cerca di ringraziare e di incentivare la fornicazione dei tuoi parenti e dei tuoi amici, sopprimi le tue inclinazioni innaturali ed infine aspira all'ebrezza, al profumo e anche al cattivo odore, al sapore, alla dolcezza, alla fragilità, all'innocenza, alla superiorità, alla profondità, al sublime, alla dialetticità ed alla grandezza... "Di cosa?!" penserai adesso. DELLA FETTA DI PACCHIO!

Baci, anzi ,forse meglio, abbracci da un tuo amico.

P.S. aggiornami sui tuoi cambiamenti e raccontami poi come migliora la tua vita.

unqualunqueuomoarrabbiato ha detto...

beh, mi rendo conto che finchè la nostra società continuerà a plasmare certe menti non so fino a che punto si potrà andare avanti. La cosa che mi fa ridere è vedere come le telecomunicazioni riescano a inculcare nella mente di certi idioti, ancora oggi, nel 2012, sentimenti di odio verso persone, ESSERI UMANI. Non è un caso infatti che tutta la RAI è controllata da organizzazioni mafiose come l'"Opus Dei", e questi che vediamo sono i frutti! Mi fate solo pena, quando leggo queste cose capisco che il lavaggio del cervello dei nostri politici democristiani sta funzionando benissimo! Sono felice però di vedere che ci sono blog come questo in cui la cultura stereotipata e il format intellettivo sono lontati anni luce. W la libera espressione di idee!! Svegliatevi dal sonno della ragione, e fatevi trascendere dalla luce dello rispetto!

Andrea Raciti ha detto...

Certamente questo post dell'anonimo sembra intriso di un conservatorismo e di un clericalismo superato, sorprende che in Italia ci siano tali individui. Il machismo troglodita di quel '' a 90'' è una sorta di residuo della ipocrita morale cattolica, è un'indecenza da scriteriato fascista e svogliatamente nietzscheano. Quest'anonimo ha tutto il mio biasimo, vergognati!!!

Michele A. F. Greco ha detto...

Ragazzi, ma il post dell'anonimo è talmente assurdo da essere palesemente sarcastico. Dai non può essere serio xD O almeno spero...

ATNO ha detto...

Le parole su tuo padre sono molto dure. Mi dispiace tanto. Comunque sì, si dovrebbe fare qualcosa contro l'omofobia, anzi, contro il bullismo in generale, ma le cose mi pare stiano migliorando negli anni.

Scusami se sono stato assente in quest' ultimo periodo, che è stato abbastanza stressante.

Michele A. F. Greco ha detto...

Di che ti scusi? Ma dai! xD Mi fa molto piacere che frequenti abitualmente il mio blog, ma se sei occupato mica ti costringo. Poi io sono stressatissimo per gli imminenti esami di maturità, quindi figurati se non ti capisco xD

E tranquillo pure per mio padre, ormai c'ho fatto il callo e tra settembre e ottobre me ne andrò a Torino per l'università. Per le vacanze dovrò sorbirmelo ancora, ma posso sopportare.

ATNO ha detto...

No, vabbè, era tanto per dire. xD Comunque, tu impegnato con gli esami di maturità, io con quelli universitari. xD

Michele A. F. Greco ha detto...

Dai, ti andranno bene ;)

Posta un commento