Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

venerdì 6 aprile 2012

Recensione: "Numero Sconosciuto" di Giulia Besa

    (Articolo originariamente pubblicato sul secondo numero della rivista "Fralerighe")  
    • Titolo: Numero Sconosciuto
    • Autore: Giulia Besa
    • Genere: Fantasy
    • Sottogenere: Urban fantasy, Dark fantasy, Mythpunk 
    • Editore: Einaudi 
    • Pagine: 386 
    • Anno: 2011 
    Trama:
    Sara ha vent'anni, vive a Roma e lavora come barista. Nel tempo libero caccia nei boschi per sfogare la sua rabbia e fa regolari visite in ospedale a Marco, l'uomo che un anno fa, in un incidente stradale, ha ucciso i suoi genitori, e da allora è in coma.
    Un giorno inizia a ricevere sms da un numero sconosciuto, che le impartisce ordini.
    La paura di mettere in pericolo la sorella costringe Sara a seguire le direttive del Numero sconosciuto. E la costringe a lottare contro gli Dèi. Forme delle passioni umane piú spietate, gli Dèi agiscono nel mondo a loro piacimento e corrompono ogni Materia di cui prendano possesso.
    Sara si trova a fronteggiare, in un serrato corpo a corpo, Artemide, fascinosa arciera dai denti di squalo, Persefone, bambina che divora e si strugge, Marte, dal bacio sanguigno e sensuale...
    Ma chi è il numero sconosciuto che ricatta Sara e le ordina di dare la caccia a una divinità dopo l'altra? Che cosa ha a che fare con Marco? Cos'è successo davvero il giorno dell'incidente e perché Sara non riesce a ricordarlo?
    Recensione:
    “Numero Sconosciuto” è il romanzo d’esordio della giovane Giulia Besa. Si tratta di un urban fantasy dalle atmosfere dark e con elementi mitologici greco-romani. Questi ultimi, però, non sono stati usati senza cognizione di causa, ma sono stati rielaborati in modo originale. Ad esempio, ho trovato molto interessanti gli echi di Epicuro e Aristotele. In pratica, gli Déi sono la Forma delle passioni umane e corrompono ogni Materia con cui entrano in contatto. E così abbiamo Artemide/Violenza, Atena/Conoscenza, Mercurio/Curiosità. Ma i due Déi più interessanti sono Marte/Guerra e Persefone/Morte. Il primo desta molta curiosità per via dei suoi tratti caratteristici quali il parlare per proverbi e il grattarsi in continuazione. La seconda, invece, è molto simbolica: Persefone ha una doppia natura di bambina e vecchia in decomposizione, costretta a divorare i cadaveri dei defunti piangendone la triste sorte in modo sincero e commovente.

    Giulia Besa ha studiato tecniche narrative e si nota: lei mostra ed evita di raccontare anche a costo di sembrare troppo cruda; usa dettagli concreti e accuratamente selezionati, descritti in movimento e usando più informazioni sensoriali.
    Il romanzo è narrato in terza persona limitata al presente, in modo da lanciare il lettore nel vivo dell’azione. La telecamera del punto di vista è fissa su di Sara, le scene sono ricche di conflitto e i dialoghi sono curati ed efficaci. Siamo di fronte a uno stile trasparente che permette al lettore di immergersi completamente nel romanzo. Non c’è mediazione tra parole e immagini, il mondo svanisce e si viene intrappolati dalla realtà virtuale del romanzo.
    Ciò nonostante, sparse qua e là ci sono varie sviste stilistiche. In fondo parliamo dell’esordio di una giovane autrice che non ha ancora avuto il tempo per sedimentare le tecniche della narrativa. Però ha studiato e si è allenata, a differenza di molti altri suoi colleghi. Inoltre le macchie stilistiche di “Numero Sconosciuto” si notano poco a una prima lettura, complici la semplicità espressiva e il ritmo incalzante.
    C’è però un difetto che rovina la lettura e rende il libro un po’ “senz’anima”: la protagonista. Sara è certamente distante dalle eroine smidollate e amorfe che vanno tanto di moda (sì, Bella Swan, parlo proprio di te), ma il risultato non è dei migliori. Sara è un personaggio troppo duro, rabbioso, cinico e dal cuore di pietra: è difficile immedesimarsi o anche solo tifare per lei. La sua psicologia complessa e patologica è stata elaborata male, il rapporto con sua sorella è stato descritto in modo troppo distaccato, i sentimenti contraddittori verso Marco sono rimasti a uno stadio superficiale. 
    I personaggi secondari, invece, si mantengono sullo sfondo, immersi in una nebbia anonima. L’unica eccezione è Monica, l’amica scema e stereotipata che però strappa più di un sorriso.


    La trama è ben studiata e strutturata, con un buon climax e vari colpi di scena. L’autrice si è documentata e la storia non cade mai nell’inverosimile o nell'incoerente. Solo in un caso viene qualche dubbio: il combattimento con Artemide. Sara era ferita gravemente: come ha fatto a sparare alla dea? Senza contare che pure da sana faticava a reggere quel fucile così pesante e inadatto a lei.
    Per quanto riguarda il finale, l’ho trovato ottimo. Dopo un’agnizione sconvolgente, il romanzo termina in modo aperto, spianando la strada a un seguito che si preannuncia scoppiettante. Probabilmente, però, un cliffhanger ancora più netto avrebbe generato più attesa per il prossimo romanzo.

    In conclusione, “Numero Sconosciuto” è originale e scritto bene, ricco di azione, suspense, tensione e mistero. Una bella ventata d’aria fresca per il panorama sconfortante del fantasy italiano. Certo, questo romanzo non è esente da difetti, ma come esordio è entusiasmante. Giulia Besa ha raffinato il suo talento con lo studio e continuando su questa strada potrebbe davvero arrivare in alto.


    L’autrice:
    Giulia Besa è nata a Roma nel 1990.
    Si è diplomata al liceo classico “Pilo Albertelli” e frequenta la Facoltà di Giurisprudenza presso l'Università “La Sapienza” di Roma.
    “Numero sconosciuto” (Einaudi, 2011) è il suo primo romanzo.


    Incipit di “Numero Sconosciuto”:
    < Ciao, Sara. >
    Da: Numero sconosciuto.
    – Maledizione!
    Sara scaglia il cellulare sul letto. Rimbalza. Si sfracella contro la parete, la batteria fa una parabola in aria e cade sul pavimento.
    Il corpicino nero giace in mezzo al cuscino. Sara si morde il labbro.
    Sarà rotto?
    Prende l’elastico, si lega i capelli in una coda alta, lo stringe finché la pelle della fronte non tira.
    Ha cambiato la Sim, ha chiesto al gestore di rintracciare il mittente, e non è servito. Non le va di buttare il telefonino, ma se sarà costretta lo farà. Anche se era della mamma.

    6 commenti:

    Anonimo ha detto...

    Sembra molto interessante!
    Si trova in ebook?

    Michele A. F. Greco ha detto...

    Sì, ma con i DRM e con un prezzo esagerato. E va be', siamo in Italia, andiamo a rilento pure con queste cose...
    Però questo è un libro davvero di ottima qualità, i soldi spesi li vale ;) Almeno secondo me...

    Aislinn ha detto...

    Metto in lista, grazie per la segnalazione!

    Michele A. F. Greco ha detto...

    Di nulla!
    Poi fammi sapere che ne pensi ;)

    Aislinn ha detto...

    Senza dubbio!
    Ah, posso chiederti un favore? Ho cambiato blog, visto che mi hai inserito tra i tuoi link, ti spiacerebbe aggiornarlo? Il nuovo è http://aislinndreams.blogspot.it
    Grazie mille!

    Michele A. F. Greco ha detto...

    Stavo giusto per correggerlo, mi hai anticipato di pochi minuti xD

    Posta un commento