Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

venerdì 20 aprile 2012

Deep Water Horizon - Sul disastro petrolifero del Golfo del Messico

Il 20 aprile 2010, esattamente due anni fa, iniziò il disastro ambientale più grave della storia americana e tra i più gravi al mondo degli ultimi anni. Approssimativamente alle 21:45, un'esplosione innescò un incendio sulla piattaforma petrolifera Deep Water Horizon; 11 persone morirono all'istante, incenerite dalle fiamme, mentre 17 lavoratori rimasero feriti. Due giorni dopo, la piattaforma si rovesciò ed affondò. Le valvole di sicurezza presenti all'imboccatura del pozzo sul fondale non funzionarono correttamente e il petrolio greggio iniziò a uscire senza controllo. Lo sversamento terminò solo 106 giorni dopo, il 4 agosto 2010.
Milioni di barili di petrolio ancora galleggiano sulle acque di fronte a Louisiana, Mississippi, Alabama e Florida, oltre alla frazione più pesante del petrolio che ha formato ammassi chilometrici sul fondale marino. 

I danni di questo disastro sono impossibili da calcolare, ma contano conseguenze gravissime su flora e fauna, nonché sulla salute umana.

Gli Epica, nel loro ultimo album ("Requiem for the Indifferent"), hanno dedicato una canzone a questo disastro: Deep Water Horizon.

Se volete leggere il testo, continuate dopo il saltino!

We have to wait
For a dying day
Full of black decay
We'll find a way
To become aware
Breathing tainted air
We change the lanes
Every second of our lives
Lost in our minds
We'll taste the water's brine
All for the silver shine
Can't stay the same
Should end this bloody game
Bare in the venom rain
To fuel the greed to feed the hungered has its price
There's the feeling once again
The day where black and white began
Await the ending of our everlasting violence
We've all been healing from the pain
From all the misery and constraint
We're inhaling fumes again
So don't deny it
Lies will unwind
The verity you'll find
Upon the moor resigned
Primary gain
Comes with a thousand slain
All for the greater vain
Without the horror causing hazard, we'll survive
Whatever lies ahead
We will face tomorrow
When every all delusions end
All of this was foreseen
Give in
Have to break the chain of grief
You
Born to be free
You decide
All are free
Time to change
Nothing or all
The clock is racing on
The pace is very strong
Our borrowed time is gone
The dawn of sharing all our powers has arrived

There's the feeling once again
The day where black and white began
Await the ending of our everlasting violence
We've all been healing from the pain
From all the misery and constraint
We're inhaling fumes again
So don't deny it
We're all inhaling fumes again
And there the black and white will end

1 commenti:

ATNO ha detto...

Devo dire che anche questa mi piace. Su quattro canzoni ascoltate di quest'album, quattro promosse. :)

Posta un commento