Dolendo novit mortalis vitam


Dolendo discit mori mortalis

giovedì 2 febbraio 2012

Sulla Bizarro Fiction

Introduzione
Da qualche tempo un interrogativo risuona nelle menti degli appassionati di fantasy: dove sta andando il genere?
Le mode vanno e vengono, non sono certo durature. Prima gli elfi, poi i vampiri, poi gli angeli e ora, forse, le streghe e i fantasmi. Ma, sotto questi specchietti per le allodole, si sta muovendo qualcosa di più importante e rivoluzionario. Stiamo assistendo alla nascita di nuovi sottogeneri che intendono portare il fantasy alle sue estreme conseguenze e distruggerne i cliché.
Dopo aver parlato del New Weird, adesso è il turno della Bizarro Fiction

Bizarro Fiction
Quando lo strano è troppo strano persino per il new weird, si entra nel territorio di un genere giovanissimo: la bizarro fiction. Si tratta di un genere che mischia fantasy, fantascienza e horror, per cui ogni romanzo va inquadrato singolarmente: alcuni tendono più al fantasy, altri più alla fantascienza, altri ancora più all'horror. È vitale, però, che gli elementi strani siano almeno tre

Rose O'Keefe
Rose O’Keefe, per esemplificare la bizarro fiction, immagina una versione alternativa di Jurassic Park: “l’elemento strano riguarda uno zoo per i dinosauri. Aggiungiamo un altro elemento strano: cambierò i personaggi da un’allegra famigliola di scienziati a un gruppo di pornografi che hanno fatto irruzione nel parco per filmare video porno di zoofilia con i dinosauri. Per il terzo elemento strano, farò in modo che l’avere rapporti sessuali con i dinosauri doni superpoteri agli attori porno. Ecco qui, la storia sarebbe strana a sufficienza per essere catalogata Bizarro.”


Mellick III
In un contesto simile, è facile scivolare nel nonsense, ma i migliori autori di bizarro fiction riescono a creare storie verosimili, coerenti e sensate.

Tra i romanzi precursori del genere va sicuramente citato “Messaggi per la Mente” di Damon Knight, mentre nel campo della bizarro vera e propria il Re è Carlton Mellick III. Questi ha dato un contributo decisivo al genere grazie a opere come “Satan Burger”, romanzo talmente allucinato da aver causato l’arresto di un uomo canadese che lo aveva prestato a un minorenne.
Un’altra opera importante di Mellick III è “The Haunted Vagina”, in cui Steve scopre che la vagina della propria ragazza è un portale per l’aldilà. “The Baby Jesus Butt Plug”, invece, è ambientato in un mondo in cui va di moda mettersi nel culo dei neonati creati artificialmente con le sembianze di personaggi famosi. Mary chiede al marito Joe di regalargli un Baby-Jesus. Quando finalmente lo trovano, la proprietaria li mette in guardia: se maltratterete il Gesù bambino e ve lo metterete nel culo, Dio vi punirà, perché a lui non piace che ci si metta suo figlio nel culo.

Di diversa atmosfera sono i romanzi di Athena Villaverde, che con “Starfish Girl” e “Clockwork Girl” si è ispirata agli anime giapponesi e ha inserito creature particolarmente strane.
“Washer Mouth” di Kevin L. Donihe, invece, parla di una lavatrice che diventa umana per seguire il suo sogno: sfondare come attore di soap opera. 
Un altro scrittore da citare è Mykle Hansen, autore di  Rampaging Fuckers of Everything on the Crazy Shitting Planet of the Vomit Atmosphere", ma anche Dannazione” e "Sventura" di Chuck Palahniuk possono essere considerati bizarro fiction.
Più in generale, gli autori rappresentativi della bizarro fiction si possono ritrovare nelle varie versioni dell’antologia “Bizarro Starter Kit”

Per un ulteriore approfondimento, vi rimando all'articolo scritto da Chiara Gamberetta per Vaporteppa.

9 commenti:

ATNO ha detto...

Non potrei MAI leggere i romanzi di Mellick xD In realtà, probabilmente, non apprezzerei nessuno fegli autori da te citati. Però... Washer Mouth sembra fantastico *_* xD

Michele A. F. Greco ha detto...

Guarda io preferisco il new weird alla bizarro fiction. Pure al surrealismo c'è un limite xD
Ciò non toglie che mi piace anche la bizarro fiction, seppur di meno. È così deliziosamente nonsense *w*
Il new weird, invece, è sì strano, ma più controllato. In generale, la bizarro si adatta ai racconti, il new weird ai romanzi. Un romanzo di 300 pagine di bizarro è un po' pesantuccio.

Riguardo a Mellick: lui gioca molto nell'associare la sessualità all'assurdo. I suoi romanzi non sono esattamente per tutti.

ATNO ha detto...

Già, la penso proprio così. Magari, un giorno leggerò qualcosa di New Weird. Mi ispira Jeff VanderMeer.
Comunque, più che la sessualità, non mi piace l'accostamento sesso-religione. Essì, sono cattolico. xD

Michele A. F. Greco ha detto...

VanderMeer lo AMO *w* è geniale.

Oh, immagino non ti piacerà il mio romanzo, allora. È alquanto contro la chiesa... alquanto assai xD Però non ci sono accostamenti sesso-religione, se non per qualche accenno ai preti pedofili.

ATNO ha detto...

Beh, proverò a leggerlo, poi giudicherò. Comunque, se si ha coscienza di quello che si scrive, allora non c'è nessun problema. Se si è ben informati, si fa anche bene a criticare. Sono le prese di posizioni che non vanno bene.:) Vabbè, nel caso di Mellick è proprio blasfemia >_<

Michele A. F. Greco ha detto...

Umh... oddio, non ti so dire se nel mio romanzo valico il limite della blasfemia. Ci sono varie simbologie esoteriche che, se male interpretate, potrebbero sembrare blasfeme e pseudo-sataniche.
Ma volutamente blasfemo non mi pare di esserlo. Ci sono personaggi blasfemi, ma narratore e personaggi non coincidono mica xD

Ad ogni modo, a me la blasfemia diverte xD

ATNO ha detto...

A me no >_< Comunque, proverò a leggere, po ti dirò. A proposito, a che punto sei?

Michele A. F. Greco ha detto...

Teoricamente avrei le ultime 2/3 settimane di lavoro, ma continuo ad apportare modifiche anche importanti ._. Sono piuttosto lento...

Drizzt ha detto...

Sto leggendo Mellick III. 'Azz, è geniale!

Posta un commento